Videosorveglianza Privacy

Viste le numerose richieste pervenute, per quanto riguarda l’installazione delle telecamere in contrasto con la tutela della privacy, e le norme da adottare per evitare contravvenzioni o fastidi in generale, si è deciso di inserire il link ufficiale del garante della privacy.
In questo dossier sono raccolti, oltre ai due provvedimenti generali, le decisioni più significative dell’Autorità riguardanti il settore, gli articoli della Newsletter, i comunicati stampa e altre notizie sull’argomento, oltre ad alcuni documenti elaborati in ambito internazionale.
Si ringrazia la Mondialtec Srl (www.mondialtec.it) leader e colosso dei sistemi di videosorveglianza ed anti intrusione, per le informazioni fornite. Potete trovare tutte le informazioni sulla privacy cliccando qui.

Antifurti animali domestici

Domanda: Vorrei farmi installare un antifurto, ma volevo capire bene prima se ci sono problemi con gli animali domestici (ho un gatto).

Risposta: Il problema c’è, ma è risolvibile in due maniere.
La prima è quella di limitare il tuo animale domestico ad una stanza sola dove non siano attivi i sensori volumetrici, ma magari solo i contatti d’apertura su porte e finestre.
La seconda è quella di installare dei sensori volumetrici con funzione antipet, cioè che hanno un algoritmo in grado di discriminare piccole masse come sono quelle degli animali domestici, da grandi masse come quelle dell’uomo. Però, ti do due avvertimenti: innanzitutto questi sensori sono più costosi e non sempre rispecchiano le caratteristiche che riportano sulle descrizioni, e secondo poi ricorda che essi discriminano piccole masse e non belle bestie…quindi se non sei sicuro non esagerare e punta alla prima opzione (usa solo contatti d’apertura su porte e finestre in una stanza, e limita in quell’area il tuo animale).
Se sei interessato all’acquisto o all’installazione del materiale che t’ho elencato affidati alla Mondialtec Srl di Roma (www.mondialtec.it) i leader nel campo della sicurezza anti intrusione.

Vantaggi installazione antifurto da professionisti del mestiere

Domanda: Dovrei montare l’impianto antifurto per casa e per il negozio: mi conviene cercare di montarli da solo o chiamare un professionista del mestiere?

Risposta: L’installazione di un antifurto fatta da un professionista del mestiere ha ovviamente un costo, ma senza dubbio è la soluzione migliore: non solo saprà adottare la soluzione migliore, grazie anche all’esperienza maturata sul campo, ma sarà anche un punto di riferimento a cui rivolgersi in caso di imprevisti di assistenza e manutenzione, o eventuali modifiche dell’impianto, ma anche per farsi fornire spiegazioni. L’installatore (quello esperto) inoltre conosce le apparecchiature che monta, come tararle e dove installarle ed evita a priori ciò che può dare fastidi, rotture o falsi allarmi; e se qualcosa non va torna a metterla a posto. Oltretutto vi eviterà quel lavoro di vari giorni che per lui richiede invece solitamente due giorni. Il costo è ovviamente proporzionato a quello della manodopera professionale, della cura del lavoro e dell’assistenza fornita…Pertanto non si vada a cercare solo il prezzo perché “chi poco paga, poco ha”…
La Mondialtec Srl di Roma (www.mondialtec.it) effettua installazioni professionali e curate nei particolari con esperienza nel campo dal 1969 e solo prodotti di ottima fattura e rapporto qualità/prezzo. Inoltre, offre assistenza a vita e cordialità.

Calendario eventi sicurezza Maggio 2009

Ecco l’elenco di Maggio 2009 delle fiere, eventi, congressi, meeting in Italia e all’estero per il campo della sicurezza e affini:

Dal 18 al 21 → Fire & Security Pakistan 2009 Karachi (Pakistan)
Dal 19 al 21 → Cipate 2009 Pechino (Cina)
Dal 20 al 22 → IEEFNC Pechino (Cina)
Dal 21 al 21 → TVCC Conference & Expo 2009 Milano (Italia)
Dal 26 al 28 → Algeria Fire, Safety & Security Expo Algeri (Algeria)
Dal 26 al 30 → LivinLuce – EnerMotive 2009 Milano (Italia)

Antifurto fai da te

Domanda: Abbiamo appena comprato casa nuova e vorremmo effettuare una cosidetta installazione fai da te per un impianto antifurto. Volevo sapere se potreste darci qualche consiglio in generale e da chi comprare il materiale.

Risposta: Ci sono tre tipologie di impianto antifurto: con i fili (anche detto filare), senza fili (anche detto via radio o wireless) e misto (filare + via radio).
Per i sistemi filari, se avete la predisposizione dell’impianto – vale a dire che sono già stati posati i tubi per il passaggio dei cavi – il problema sostanzialmente si riduce al collegamento dei componenti ed alla eventuale programmazione della centrale e/o del combinatore telefonico, se presente. Il tipo di cavo da utilizzare è indicato nella documentazione del prodotto ma, tipicamente, si utilizza cavo schermato 4×0.22+2×0.50 (4 conduttori per i segnali + 2 per l’alimentazione). In alcuni casi, ad esempio per la sirena esterna, potrebbero essere necessari 6 conduttori (quindi 6×0.22+2×0.50), ma comunque non si tratta di cavi particolarmente grandi e difficili da intubare e di facile reperibilità sul mercato. Ricordatevi di verificare sempre che il cavo sia schermato, omologato e con la necessaria certificazione antifiamma.
Se non avete la predisposizione per il passaggio cavi potete utilizzare una canalina esterna ma, importante, ricordate sempre che nei tubi dove passano cavi della corrente elettrica (per Legge) non devono passare altri cavi se non certificati da un elettricista abilitato – e comunque devono essere cavi con schermatura speciale. Inoltre, da un punto di vista della sicurezza dell’impianto, dovete tenere in considerazione che un cavo ‘esterno’ è più a rischio di manomissione di un cavo intubato: se in un alloggio privato questo fattore non è così determinante, in un ufficio, un negozio o qualunque luogo con pubblico accesso potrebbe esserlo.
Per i sistemi via radio il discorso installazione è presto fatto: scegliete la posizione migliore per la vostra centrale e posizionate provvisoriamente le periferiche (sensori, sirena, ecc…) dove volete installarle. La centrale deve essere sufficientemente ‘nascosta’ in modo da essere protetta da eventuali tentativi di manomissione (ad es. in un ripostiglio) e posta centralmente rispetto alle periferiche in modo da sfruttare completamente la copertura radio. Fate l’acquisizione delle periferiche e le operazioni di programmazione e, dopo aver verificato che tutte dialogano senza problemi con la centrale, fissate al muro. L’operazione di verifica è fondamentale: viste le frequenze in gioco (generalmente i sistemi via radio operano nella banda dei 433MHz o 866MHz) anche uno spostamento di pochi centimetri può far variare la qualità del segnale ricevuto e quindi, nel caso di interferenze, basta verificare il segnale trasmesso da una periferica posizionandola poco distante per risolvere il problema. Non dimenticate di verificare anche la portata del telecomando! Da un punto di vista esclusivamente installativo, indubbiamente il via radio è quello che presenta meno problemi.
Per i sistemi misti filare+via radio valgono le considerazioni di cui sopra, con l’aggiunta che sostanzialmente potete prendere i pregi di entrambe i sistemi e scartarne i difetti. Le centrali che supportano sia sensori cablati che senza filo vi permettono di effettuare un’installazione semplice sia dove c’è la predisposizione (il tubo), sia dove la stesura del cavo rappresenta un problema.
Se siete interessati all’acquisto dell’impianto riferitevi ad un’azienda come la Mondialtec Srl di Roma (www.mondialtec.it), vi sapranno fornire tutto il necessario per l’installazione e per ogni livello, oltre a documentazione per principianti su come montare l’impianto, e assistenza tecnica a non finire (comprese lezioni…).

Articolo tratto da http://antifurto.blogspot.com

Telecamere IR Led vs Telecamere Low Lux

Domanda: Cos’è meglio per la visione notturna una telecamera con led infrarossi o una telecamera low lux?

Risposta: Entrambe le tecnologie sono molto valide, ma ciascuna ha il suo luogo d’installazione.
La telecamera con i led infrarossi, ha la capacità di vedere anche in totale assenza di luce grazie ai suoi led che creano un’invisibile luce appunto ad infrarosso: è come se nel buio più totale si usasse una torcia per poter vedere qualcosa; più la torcia sarà potente e più si potrà avere luce.
La telecamera low lux (cioè a bassissima luminosità), invece, ha la capacità di sfruttare in modo incredibile la luce proveniente da qualsiasi fonte, anche dal cielo stellato…In totale mancanza di luminosità, però, la telecamera low lux rimarrebbe cieca.
Vediamo ora perché scegliere una o l’altra.
Come detto il vantaggio della telecamera ad infrarossi è quella di poter sfruttare la luce emessa dai suoi led. Nello stesso momento, però, questo potrebbe essere un limite in quanto la parte non illuminata dai led potrebbe non essere visibile. Bisogna, quindi, assicurarsi molto bene di scegliere la portata dei led giusta in rapporto all’obiettivo scelto. Se per esempio si sceglie una telecamera con zoom 36x con i led, quando i led illuminano al massimo 50m, la spesa (se l’obiettivo era quello di vedere di notte) sarebbe stata ingiustificata.
La telecamera a bassissima luminosità, invece, garantisce buone visibilità in tutte le parti dell’immagine da vedere in quanto sfrutta qualsiasi luce esterna. Se però la luce esterna fosse molto bassa non avrei che uno schermo nero. Alcuni usano applicare un proiettore led di luce infrarossa vicino alla tale tipo di telecamera, ma alla fine si rischierebbe di andare a spendere più del dovuto.
Pertanto con le informazioni che ti ho fornito penso tu possa ora trarre le conclusioni sulla scelta, a seconda del luogo in cui dovrai effettuare l’installazione.
Se ti servissero comunque entrambe le tipologie di telecamere IR Led e Low Lux, rivolgiti alla Mondialtec Srl (www.mondialtec.it) leader nella videosorveglianza, che presenta una vasta scelta di telecamere sia con i led infrarossi che a bassissima luminosità, anche con zoom e/o con rotazione. Tutte con ottimo rapporto qualità/prezzo e marchiate MTH (il marchio garanzia di qualità).

Telecamere finte

Domanda: Vorrei usare delle telecamere finte come deterrente per i ladri. Che ne pensate?

Risposta: Che i sistemi di sicurezza allontanino i ladri è vero. Il fatto che funzionino da deterrente, lo dimostrano le statistiche, specie se le telecamere sono puntate su luoghi strategici e non lasciano nulla al caso, ma non sempre è così…
Ad esempio, recentemente un proprietario di 2 pizzerie è stato derubato subito dopo aver installato l’impianto di videosorveglianza. Il suo commento però è stato questo: “Le immagini riprese erano di alta qualità e per la polizia è stato facile catturare i delinquenti”.
Ciò dimostra che esse funzionano sì da deterrente, ma fino al punto in cui qualcuno non entra davvero, e al quel punto rimpiangerai di non aver speso qualcosa in più per stare veramente sicuro.
Senza contare poi che un ladro con occhio, potrebbe facilmente riconoscere un’installazione finta da una vera…
Se ti interessa risparmiare, le aziende di sistemi di sicurezza professionali sono piene anche di soluzioni economiche o fai da te. Ti consiglio la Mondialtec Srl (www.mondialtec.it).

Ottenere riprese del viso in alta qualità

Domanda: Che telecamere dovrei scegliere per riuscire a riprendere il viso di chi entra dalla porta d’ingresso in modo chiaro in modo da riconoscerlo? Dove dovrei installarle? E a chi mi dovrei rivolgermi per acquistarle o per installarle?


Risposta: La qualità delle immagini registrate è fondamentale per ottenere risultati soprattutto per vie legali. Per avere una buona qualità di ripresa di una persona che entra da porte, cancelli ed in generale da tutti gli ingressi, occorre avere telecamere ad altissima risoluzione, ma non solo.
Fondamentali sono anche la scelta dell’obiettivo, la qualità di esso (da evitare quindi i prodotti che non provengono da ditte specializzate in sistemi di sicurezza) e la progettazione dell’installazione. Per aree ampie si sceglie solitamente un obiettivo grandangolare; capita spesso però che si abbia proprio bisogno di identificare con chiarezza il viso di chi entra. Si usa quindi una soluzione doppia: una prima telecamera ad altissima risoluzione con obiettivo stretto (a seconda comunque del punto d’installazione) puntata direttamente su una porzione relativa all’altezza viso di chi entra, ed una seconda telecamera grandangolare piazzata all’interno dello stabile per poter ottenere quanti più riferimenti sulla persona provenienti ad esempio dal tipo vestiti, dai modi di camminare e di muoversi, ecc… senza tralasciare poi la cosa più importante, cioè riprendere il misfatto (ad esempio la rapina)!
Troverete tutto il necessario, con telecamere di altissima risoluzione e qualità, presso la Mondialtec Srl (www.mondialtec.it) che tra l’altro effettua anche installazioni e saprà darvi la migliore assistenza a livello progettistico.

Videosorveglianza per alimentari

Domanda: Ho una piccola attività di alimentari, e volevo sapere se è consigliabile installare un impianto di telecamere, o è una faccenda che è riservata a banche e attività grosse?

Risposta: Se si lavora in una pompa di benzina, un negozio, un punto scommesse, un alimentari o in un fast food, un tabaccaio, un bar, ecc… si avrà sempre un serio rischio: essere derubati.
In tutta Italia, infatti, i proprietari di questa tipologia di attività vengono spesso colpiti da rapine che assicurano una relativa somma di denaro a breve mano.
Recentemente, una banda che aveva rapinato pochi giorni prima un negozio di alimentari, ha pensato bene di colpire anche un altro negozio sulla stessa strada pochi giorni dopo: fortunatamente, però, la seconda volta, l’attività possedeva un sistema di videosorveglianza a circuito chiuso e così i rapinatori sono stati assicurati alla legge.
Quello che voglio dire è che queste attività, anche se in tempi passati non presentavano necessità di impianti di telecamere, ora dati i sempre più numerosi eventi, ne hanno bisogno per due semplici motivi su tutti:
1) per prevenire la proprietà da attacchi
2) per aiutare la polizia a catturare gli eventuali colpevoli, che talvolta come abbiamo visto, possono aver fatto visita anche a qualcun’altro.
Senza poi tralasciare la salvaguardia della salute propria e dei clienti. Secondo alcune statistiche i cittadini si sentono molto più sicuri se entrano in locali ben protetti: si pensi ad esempio se siamo più sicuri ad entrare in una banca che presenta metal detector e telecamere, o in una che ha le porte scorrevoli e non presenta sistemi all’avanguardia…
Al di là quindi che il locale sia o non sia una banca, il tutto ha comunque un valore relativo se paragonato alla nostra tranquillità e comunque alla salvaguardia della nostra salute e dei valori che comunque, anche se pochi, hanno comunque un alto valore in rapporto al nostro guadagno!
Se avete quindi un’attività del tipo negozio di abbigliamento, alimentari, punto scommesse, vendita di alcolici, vendite al dettaglio, telefonia, ecc… non esitate a fare un piccolo investimento per la sicurezza che sarà comunque unico nella vita. Rivolgiti alla Mondialtec Srl di Roma (www.mondialtec.it) ti sapranno consigliare il prodotto migliore in rapporto qualità/prezzo/esigenze, grazie ad un’esperienza nel campo della sicurezza dal 1969.

Forum sui sistemi di sicurezza

La Commissione europea ha stanziato dei fondi per la ricerca in materia di sicurezza nell’ambito del Settimo programma quadro (7°PQ). Si vuole però anche creare un mercato europeo della sicurezza. Sviluppare nuove tecnologie e soluzioni non basterà per soddisfare in pieno i bisogni degli utenti finali. Invece, occorre progettare un quadro più ampio per assicurare che vengano affrontate le sfide complesse e sviluppate le strutture esistenti. La conferenza affronta in particolare gli aspetti di trasferimento e attuazione delle nuove tecnologie in materia di sicurezza. L’evento fornirà anche l’opportunità di presentare prototipi e nuovi sviluppi in condizioni reali.
Potsdam (Germania), 4 – 5 giugno 2009
Per ulteriori informazioni clicca qui (in inglese)