Singolo bilanciamento: cosa significa, come si fa e a cosa serve

Domanda: A cosa serve il singolo bilanciamento sulla zona e quando farlo

Risposta: Il singolo bilanciamento è una tecnica di installazione del sensore che permette una protezione leggermente superiore al classico NC sulla zona dell’allarme.

In particolare il sistema del singolo bilanciamento garantisce la protezione della zona da un sistema di sabotaggio noto come corto-circuito della zona.

In pratica, se un malintenzionato riuscisse a creare un ponte tra i due fili collegati alla zona della centrale, creerebbe appunto un corto-circuito, cioè un circuito chiuso, e in questo modo anche se il sensore andasse in allarme o se venissero tagliati i fili, essendo che i due fili sono stati chiusi da corto, la centrale non rileverebbe comunque l’allarme.

Il sistema a singolo bilanciamento, abbina quindi, al sistema classico, una resistenza che funziona come una sorta di carico che il sensore deve tenere sempre come riferimento. Se questo carico viene a mancare, scatta l’allarme. In questo modo, l’allarme scatterà sia nella normale situazione di apertura della zona di allarme, sia se qualcuno tentasse di effettuare un corto sui fili di allarme e tagliasse i fili del sensore, in quanto il carico non verrebbe più trovato dalla centrale.

Per effettuare un singolo bilanciamento, occorre mettere in serie sul sensore, una resistenza i cui valori sono stabiliti dalla centrale d’allarme che si possiede.

Si effettua un singolo bilanciamento, se si vuole incrementare leggermente il livello di sicurezza del proprio allarme. Non è fondamentale in quanto il corto-circuito sulla zona è un espediente sempre meno utilizzato dal ladro, ma può essere comunque un in più per ottenere più sicurezza.

Unica difficoltà sta nel fatto che occorre saldare la resistenza sul filo.

Si ringrazia per lo schema la Mondialtec di Roma, ditta specializzata e leader in sistemi di antifurto.

 

Singolo Bilanciamento