Come installare una IP Camera senza fare programmazioni

Controllare la propria abitazione o il proprio locale da remoto quando non siamo in casa è ormai essenziale, e ormai la tecnologia ci permette di farlo col solo uso di una telecamera e di uno smartphone.

Ma effettuare le programmazioni della IP camera per poterla vedere su smartphone e tablet, non è da tutti.

Ecco quindi che la Mondialtec ha la soluzione: una IP camera auto installante.
Non richiede programmazioni, non richiede IP statico, non richiede nessuna impostazione del router e non richiede alcuna capacità informatica: colleghi la spina e il cavo di internet (oppure senza cavo nelle versioni wireless wi fi) ed il gioco è fatto. Tutto in automatico.

In questo video vediamo all’opera le IP camera della Mondialtec, che ci consentono di installare l’IP camera senza fare programmazioni:

 

La telecamera che vede a 180 gradi

Domanda: Avrei bisogno di una telecamera per sorvegliare il mio terrazzo, ma le telecamere che trovo in giro non hanno un angolo che mi riesca a coprire l’intero terrazzo e mi lasciano quindi dei punti morti. C’è qualche soluzione?

Risposta: Le telecamere grandangolari solitamente hanno un angolo di 90° che può arrivare a 120° sulle telecamere super-grandangolari. Se però hai bisogno di coprire un intero terrazzo senza punti morti, devi utilizzare una telecamera come questa della Mondialtec: telecamera di videosorveglianza a 180° d’apertura

Ti allego anche un video della casa madre, per farti capire l’ampiezza di raggio che ha:

Ti sconsiglio invece le telecamere che girano, in quanto avresti quasi sempre punti morti.

Detrazioni IRPEF antifurto e videosorveglianza: tutti i dettagli per la detrazione

Si ringrazia la Mondialtec, società leader in sistemi di antifurto e videosorveglianza, per averci fornito le indicazioni che seguono.

E’ possibile detrarre dall’Irpef una parte degli oneri sostenuti per l’installazione di impianti di antifurto, videosorveglianza, ma anche per porte blindate ed inferriate, nonché migliorie a livello di serrature, cioè tutti gli interventi sull’immobile. Non rientrano nella detrazione, invece, i contratti con istituti di vigilanza.

In particolare rientrano tra gli interventi detraibili:

■ telecamere o cineprese

■ apparecchi rilevatori di prevenzione antifurto e relative centraline

■ rafforzamento, sostituzione o installazione di cancellate o recinzioni murarie degli edifici

■ apposizione di grate sulle finestre o loro sostituzione

■ porte blindate o rinforzate

■ apposizione o sostituzione di serrature, lucchetti, catenacci, spioncini

■ installazione di rilevatori di apertura e di effrazione sui serramenti;

■ apposizione di saracinesche

■ tapparelle metalliche con bloccaggi

■ vetri antisfondamento

■ casseforti a muro

 

CHI PUÒ FRUIRE DELLA DETRAZIONE

Possono usufruire della detrazione sulle spese di ristrutturazione tutti i contribuenti assoggettati all’imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef), residenti o meno nel territorio dello Stato.

L’agevolazione spetta non solo ai proprietari degli immobili ma anche ai titolari di diritti reali/personali di godimento sugli immobili oggetto degli interventi e che ne sostengono le relative spese:

■ proprietari o nudi proprietari

■ titolari di un diritto reale di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie)

■ locatari o comodatari

■ soci di cooperative divise e indivise

■ imprenditori individuali, per gli immobili non rientranti fra i beni strumentali o merce

■ soggetti indicati nell’articolo 5 del Tuir, che producono redditi in forma associata (società semplici, in nome collettivo, in accomandita semplice e soggetti a questi equiparati, imprese familiari), alle stesse condizioni previste per gli imprenditori individuali.

 

QUALI DETRAZIONI SI POSSONO AVERE

A seguito delle più recenti novità, introdotte dal decreto legge n. 83 del 2012 e dal decreto legge n. 63/2013, i contribuenti possono usufruire delle seguenti detrazioni:

per il periodo d’imposta 2012, la misura della detrazione è pari

− al 36% delle somme spese (bonifici effettuati) fino al 25 giugno 2012, per un ammontare massimo di spesa di 48.000 euro per ciascuna unità immobiliare

− al 50% delle spese sostenute dal 26 giugno 2012 al termine del periodo d’imposta, con un limite massimo di 96.000 euro per ciascuna unità immobiliare, tenendo conto delle spese effettuate fino al 25 giugno 2012

Il contribuente che fino al 25 giugno ha già sostenuto spese per 48.000 euro e che, per interventi sullo stesso immobile, ha speso altri 96.000 euro nel periodo dal 26 giugno al 31 dicembre 2012, può decidere di avvalersi della detrazione del 50% delle spese sostenute dal 26 giugno in poi, in luogo della detrazione del 36% delle spese effettuate fino al 25 giugno (circolare dell’Agenzia delle Entrate n. 13/E del 9 maggio 2013)

per il periodo d’imposta 2013, la detrazione è pari al 50% delle spese sostenute, con un limite massimo di spesa di 96.000 euro per ciascuna unità immobiliare e tenendo conto, in caso di mera prosecuzione dei lavori, delle spese sostenute negli anni precedenti

dal 1° gennaio 2014, la detrazione tornerà alla misura ordinaria del 36% e con il limite di 48.000 euro per unità immobiliare.

 

COME FARE PER OTTENERE LA DETRAZIONE

Per avere gli sgravi fiscali, occorre innanzitutto contattare una ditta certificata (vedi la Mondialtec: www.mondialtec.it).

La fattura ottenuta dalla ditta, dovrà indicare il tipo di intervento (es. : installazione antifurto ecc…), mentre il cliente dovrà poi necessariamente pagare mediante bonifico bancario specifico per le detrazioni fiscali (non va bene il bonifico ordinario).

detrazioni IRPEF antifurti e videosorveglianza

VIDEO: Push Video Mondialtec, il video-allarme di Mondialtec

Essere avvisati sul telefonino in caso di allarme è certamente comodo, ma avere anche una verifica video immediata dell’evento è tutta un’altra storia…

Se poi tutto questo lo fa il nostro impianto di videosorveglianza, la comodità diventa doppia.

In questo video l’allarme Push Video degli impianti di videosorveglianza Mondialtec. Buona visione:

Nuovo video che mostra la potenza della centrale Mondialtec con tastiera touch screen, internet e domotica

In questo video, una breve panoramica che mostra le potenzialità della centrale d’allarme Mondialtec, con tastiera touche screen, GSM integrato, gestione totale tramite internet e smartphone e tablet, e domotica integrata.

Il video mostra in modo reale direttamente sulla tastiera dell’antifurto, tutto ciò che l’utente si ritroverà di fronte e le varie possibilità che la centrale d’allarme offre.

La centrale Mondialtec in questione è questa: Centrale d’allarme Mondialtec

Ecco il video:

Singolo bilanciamento: cosa significa, come si fa e a cosa serve

Domanda: A cosa serve il singolo bilanciamento sulla zona e quando farlo

Risposta: Il singolo bilanciamento è una tecnica di installazione del sensore che permette una protezione leggermente superiore al classico NC sulla zona dell’allarme.

In particolare il sistema del singolo bilanciamento garantisce la protezione della zona da un sistema di sabotaggio noto come corto-circuito della zona.

In pratica, se un malintenzionato riuscisse a creare un ponte tra i due fili collegati alla zona della centrale, creerebbe appunto un corto-circuito, cioè un circuito chiuso, e in questo modo anche se il sensore andasse in allarme o se venissero tagliati i fili, essendo che i due fili sono stati chiusi da corto, la centrale non rileverebbe comunque l’allarme.

Il sistema a singolo bilanciamento, abbina quindi, al sistema classico, una resistenza che funziona come una sorta di carico che il sensore deve tenere sempre come riferimento. Se questo carico viene a mancare, scatta l’allarme. In questo modo, l’allarme scatterà sia nella normale situazione di apertura della zona di allarme, sia se qualcuno tentasse di effettuare un corto sui fili di allarme e tagliasse i fili del sensore, in quanto il carico non verrebbe più trovato dalla centrale.

Per effettuare un singolo bilanciamento, occorre mettere in serie sul sensore, una resistenza i cui valori sono stabiliti dalla centrale d’allarme che si possiede.

Si effettua un singolo bilanciamento, se si vuole incrementare leggermente il livello di sicurezza del proprio allarme. Non è fondamentale in quanto il corto-circuito sulla zona è un espediente sempre meno utilizzato dal ladro, ma può essere comunque un in più per ottenere più sicurezza.

Unica difficoltà sta nel fatto che occorre saldare la resistenza sul filo.

Si ringrazia per lo schema la Mondialtec di Roma, ditta specializzata e leader in sistemi di antifurto.

 

Singolo Bilanciamento

DVR-4G Mondialtec: la videosorveglianza remota con chiavette internet 4G

Per chi non possiede la linea telefonica o l’ADSL, ora grazie al nuovo DVR 4G della Mondialtec, è possibile sorvegliare da remoto utilizzando una comune chiavetta 3G o 4G.

Il sistema permette a tutti coloro che possiedono una casa la mare, in campagna o comunque una casa di villeggiatura e che per questo non hanno e non vogliono attivare una linea telefonica, di registrare, ma soprattuto di poter controllare da remoto dal proprio telefonino, tablet , PC e Mac, tutte le telecamere di sorveglianza installate, da ovunque ci si trovi nel mondo.

Basta infatti collegare una classica chiavetta internet 3G al nostro impianto di videosorveglianza Mondialtec, per poter controllare a nostro piacimento e da ovunque siamo, la nostra casa anche se siamo lontani chilometri.

Tanti servizi integrati, come la registrazione a movimento, l’e-mail di allarme o il controllo totale da iPhone ed Android, rendono poi il prodotto molto interessante.

Come se non bastasse, è anche già predisposto per chiavette 4G per una velocità di collegamento incredibile.

4G

Proteggi il videoregistratore DVR in un armadietto

In pochi ci pensano, ma cosa succederebbe se durante un furto o un atto vandalico, dovessero danneggiarci il nostro videoregistratore DVR che contiene fondamentali immagini?

La prima cosa che si pensa per difendersi da questo è quella di posizionare il DVR in un luogo poco accessibile, come ad esempio sopra un armadio.

In realtà, la maggior parte delle volte, questa pratica si rivela solamente fastidiosa per il proprietario del DVR e per nulla sicuro. Bisogna immaginare, infatti, che il videoregistratore dovrà sempre essere accessibile anche a noi, quando vorremo effettuare lo scarico di immagini, intervenire nella programmazione, o semplicemente cambiare l’orario. Al ladro, invece, ci vorrà poco ad individuare dove è installato l’apparecchio, anche se ben nascosto.

Proprio per supplire a questa necessità, nascono gli armadietti per videoregistratori DVR di videosorveglianza. Una spesa in più, che però può rilevarsi spesso fondamentale, e a volte necessaria, come nel caso di videosorveglianze per condomini, supermercati, o locali accessibili a molti.

La Mondialtec, in particolare, produce in casa armadietti per DVR su misura, che nascono però dall’esperienza sul campo, con accortezze molto carine ed eleganti, per un lavoro pulito oltre che naturalmente sicuro.

Un esempio, nella foto sottostante.

Armadietto Blindato per videoregistratore videosorveglianza

AvtechNVR.com il nuovo sito web Avtech Mondialtec

Ha da pochi giorni aperto i battenti il nuovo sito web www.avtechnvr.com che sarà il prossimo riferimento per la vendita della videosorveglianza IP della Avtech, distribuita da Mondialtec Srl.

A pochi giorni dall’apertura, il sito ha già fatto riscontrare record di accessi di compratori e visitatori curiosi di conoscere le novità offerte da Avtech.

Il nuovo sito della Mondialtec consente anche l’acquisto con il “ritira direttamente dalla nostra azienda” come da prassi per la Mondialtec, che si è sempre contraddistinta per la particolarità di far toccare con mano i prodotti ai propri clienti, anche ai privati.

Una nuova sezione è stata inoltre dedicata agli installatori ed ai negozi e distributori, con scontistiche riservate e servizi ad hoc.

La videosorveglianza IP in alta definizione, presto scalzerà la classica videosorveglianza analogica, Avtech e Mondialtec sono già pronti.

Visita subito il nuovo sito: www.avtechnvr.com o il magazzino Mondialtec a Roma (aperto anche a privati).

Telecamere Megapixel

Domanda: Che differenza c’è tra una telecamera 700TVL ed una telecamera Megapixel?

Risposta: Le telecamere a 700TVL e le telecamere Megapixel, hanno due diversi modi di funzionamento: la prima è di tipo analogico con elaborazione digitale, mentre la seconda è di tipo digitale (solitamente è una IP camera).

La differenza sostanziale sta nella risoluzione. Si intendono infatti per telecamere Megapixel, tutte quelle che raggiungono appunto la risoluzione di almeno 1 Megapixel, cioè quelle telecamere che servono per creare una videosorveglianza in alta definizione.

Vediamo cosa vuol dire: le telecamere 700TVL hanno una risoluzione pari a 976×582 pixel, cioè 568.000 pixel.

Una telecamera in HD del tipo Megapixel raggiunge invece una risoluzione di 1280×960 pixel (talvolta ancora meglio 720), cioè 1.228.800 pixel uguale a 1.3 Megapixel.

Allo stesso modo una telecamera con risoluzione FULL HD avrà 1920×1080 pixel, pari a 2 Megapixel.

Salta subito all’occhio, quindi la differenza, ma gli impianti a 700TVL reggono ancora moltissimo la concorrenza per vari motivi:

1) gli impianti Megapixel costano ancora molto;

2) per le applicazioni web, come la visione da cellulare in remoto, le 700TVL sono molto più fluide, in quanto purtroppo in Italia non abbiamo ancora una banda internet potente per sfruttare le Megapixel in remoto. Inoltre, i software delle 700TVL sono testati e funzionanti da tempo;

Comunque ormai tutte le migliori ditte di videosorveglianza sono all’opera per portare innovazioni su entrambi i campi. Non ultima, la Mondialtec di Roma, ha tirato fuori una nuova linea Megapixel con tante funzioni molto carine ed NVR legati ad esso.

Si lavora insomma per il futuro, ma ci si mantiene comunque molto anche sul presente.