TV come monitor per videosorveglianza: attenzione alle multe

In videosorveglianza, è ormai sempre più in voga l’uso di TV al posto dei classici monitor di videosorveglianza.

Non tutti, però, sanno che l’uso dei TV in ambiti di negozi, è sottoposto al controllo della SIAE, che per questo motivo richiede appunto un pagamento. Naturalmente anche  per gli ignari negozianti all’oscuro, in caso di mancato pagamento di questa tassa, si va incontro a delle sanzioni, talvolta anche molto salate (dai 1000 € ai 3000 €).

Per evitare tutto ciò è bene quindi premunirsi di monitor per videosorveglianza.

Ecco dove trovarli: http://www.mondialtec.it/ITA/VIDEOSORVEGLIANZA/Monitor-Video-sorveglianza.aspx

Monitor videosorveglianza 17'' LCD

La Mondialtec finisce in TV

La Mondialtec, società leader nei sistemi antifurto e videosorveglianza, esce in TV presso una emittente giornalistica TV sul web.

Ecco la breve intervista, effettuata presso un negozio Mondialtec, che mostra tanti piccoli marchingegni di grande utilità.

Qui il link per vedere l’intervista del giornale web tv C6:

http://www.c6.tv/video/10830-sicurezza-tutti-i-sistemi-a-prova-di-ladro-o-di-marito

Vocabolario principali termini in TVCC

ACTIVITY DETECTION: Una forma semplice di rivelazione di movimento basata sulle variazioni dei livelli di grigio del segnale video, ovvero della scena ripresa. Comunemente usato nei multiplexer video per aumentare la velocità di aggiornamento delle telecamere interessate da movimenti.
AE: Electronic lris (detto anche autoshutter) – circuito elettronico che adatta automaticamente la sensibilità della telecamera alla luce della scena ripresa.
AGC: Controllo automatico del guadagno – Circuito elettronico interno alla telecamera che adegua automaticamente il livello del segnale video in funzione delle condizioni di luminosità della scena ripresa.
AI: Auto lris – Una funzione degli obiettivi che permette di regolare automaticamente la quantità di luce che raggiunge il sensore CCD.
BLC: Back Light Compensation – Funzione di moderne telecamere che permette la visione di scene in contro-luce.
BNC: La più comune forma di connettore video.
BRANDEGGIO: Sistema motorizzato, comandabile remotamente, per il posizionamento orizzontale e verticale di una telecamera.
CCD: Charge Coupled Device – Congegno moderno di dispositivi telecamere.
CMOS: Complimentary Metal Oxide Semiconductor – Congegno di commutazione allo stato solido utilizzato anche per le telecamera – MOS chip.
DD: Direct Drive – Nuovo modello di obiettivi autoiris che non contengono l’elettronica per il controllo del diaframma. Devono essere utilizzati in abbinamento a telecamere provviste dell’apposita uscita in grado di controllare il motore dell’iride.
SIMPLEX: Nella terminologia dei multiplexer e sui videoregistratori digitali, indica apparato in grado di svolgere una sola funzione alla volta: videoregistrazione multiplexata/codifìcata oppure videate live multi-schermo oppure riproduzione.
DUPLEX: Nella terminologia dei multiplexer e sui videoregistratori digitali , indica due unità simplex “assemblate”insieme che permettono di svolgere due funzioni simultaneamente, tipicamente videoregistrazione multiplexata /codificata e visualizzazioni multischermo.
TRIPLEX:Tecnologia sui moderni DVR di svolgere tre funzioni contemporaneamente cioè registrazione, riproduzione immagini e trasmissione via internet contemporanea.
QUADRUPLEX:Tecnologia sui moderni DVR di svolgere quattro funzioni contemporaneamente cioè registrazione, riproduzione immagini, trasmissione via internet e backup su cd o usb del video in contemporanea.
PENTAPLEX: Registrazione, Visualizzazione, Ricerca immagini, Backup(copia immagini) e Collegamento remoto.
IRIDE: Meccanismo all’interno di un obiettivo usato per regolare la quantità di luce che passa attraverso le lenti e arriva al sensore CCD.
MULTIPLEXER: Unità in grado di visualizzare contemporaneamente su un singolo monitor un numero anche elevato di telecamere e/o registrarle su una singola cassetta. Alcuni Multiplexer possono essere usati per trasmettere più telecamere tramite lo stesso mezzo di trasmissione.
PIXEL: Il singolo punto sensibile di un sensore CCD o il più piccolo punto luminoso di un monitor LCD.
PRESETS: Posizioni memorizzate di brandeggio (orizzontale e verticale) e zoom (lunghezza focale e fuoco). Generalmente possono essere attivate manualmente, su fascia oraria e su allarme.
TVL: Television Lines – Descrivere la risoluzione di una telecamera o monitor.
VARIFOCAL: Tipo di obiettivo che permette la regolazione manuale tra due punti focali per ottenere il campo di ripresa desiderato.

In caso foste insteressati a telecamere a circuito chiuso, videoregistratori e tutto ciò che concerne la videosorveglianza:
Mondialtec Srl
web: www.mondialtec.it
e-mail: mondialtec@mondialtec.it

Informazioni tratte da www.sicurclima.it

Differenze tra Hard Disk per TVCC e Hard Disk per PC

Domanda: Che differenza c’è tra un Hard Disk per videosorveglianza ed uno commerciale da computer?

Risposta: L’Hard Disk per Tvcc è del tutto simile a quello per computer, ma presenta alcune differenze fondamentali. L’Hard Disk per Tvcc, infatti, ha un tipo di tecnologia creato appositamente per le necessità che si hanno nella videosorveglianza:
1) esso è predisposto per durare per più di 5 anni in lettura e scrittura continua per 24 ore al giorno (solitamente infatti hanno una garanzia di 5 anni).
Un normale Hard Disk da PC invece dopo nemmeno 2 anni, con un lavoro simile, finirebbe di consumare il piatto di scrittura, con la conseguente rottura e un possibile danneggiamento del videoregistratore;
2) esso non scalda e rimane praticamente freddo con vantaggi sia per la durata sua che della macchina che lo include;
Alla domanda dove acquistarlo, ti consiglio di rivolgiti ad un professionista di sistemi di sicurezza come la Mondialtec Srl di Roma (www.mondialtec.it). Molte aziende infatti non conoscono nemmeno la differenza e l’esistenza di un Hard Disk per Tvcc…

Hard Disk per TVCC

Domanda: Ho visto che i videoregistratori per la videosorveglianza utilizzano come memoria un Hard Disk. Di che tipo di Hard Disk si tratta? Va bene un normale Hard Disk da computer? Altrimenti dove posso acquistarne uno?

Risposta: L’Hard Disk per Tvcc è del tutto simile a quello per computer, ma presenta alcune differenze fondamentali. L’Hard Disk per Tvcc, infatti, ha un tipo di tecnologia creato appositamente per le necessità che si hanno nella videosorveglianza:
1) esso è predisposto per durare per più di 5 anni in lettura e scrittura continua per 24 ore al giorno (solitamente infatti hanno una garanzia di 5 anni).
Un normale Hard Disk da PC invece dopo nemmeno 2 anni, con un lavoro simile, finirebbe di consumare il piatto di scrittura, con la conseguente rottura e un possibile danneggiamento del videoregistratore;
2) esso non scalda e rimane praticamente freddo con vantaggi sia per la durata sua che della macchina che lo include;
Pertanto la risposta è che ci si può sì adattare un Hard Disk da PC, ma che esso non durerebbe poi tanto e rischierebbe poi di andare a danneggiare l’apparecchio. Se non hai l’esigenza della registrazione 24 ore potresti anche usarlo, ma ti consiglio comunque di spendere qualche euro in più e stare sicuro (costa circa 20-30 euro in più di quelli da computer).
Alla domanda dove acquistarlo, ti consiglio di rivolgiti ad un professionista di sistemi di sicurezza come la Mondialtec Srl di Roma (www.mondialtec.it). Molte aziende infatti non conoscono nemmeno la differenza e l’esistenza di un Hard Disk per Tvcc…

Alimentatori per telecamere TVCC

Domanda: Che alimentatori si usano per le telecamere degli impianti di videosorveglianza a circuito chiuso?

Risposta: Solitamente, nella maggior parte dei casi, vengono usati degli alimentatori switching a 12 Volts che vanno collegati ad ogni telecamera dell’impianto, in quanto appunto nella maggior parte dei casi, come standard le telecamere funzionano a 12 Volts. Un paramentro che invece spesso può cambiare è l’amperaggio: la maggior parte delle telecamere di piccole/medie dimensioni consumano circa 300 mAmpere, ma si preferisce spesso usare alimentatori da 1 Ampere in modo che esso possa lavorare con meno sforzo; alcune telecamere però richiedono, invece, alimentazioni che supportino i 2 Ampere, 3 Ampere, ma anche 5 Ampere o più…spesso quando si ha a che fare con telecamere con led più grossi o telecamere con zoom, ecc…
Quello che ho detto però non esclude il fatto che si possa usare anche un solo alimentatore ad esempio da 5 Ampere per alimentare 4 telecamere… Oppure una scatola d’alimentazione, sempre tarata sui 12 Volts.
Attenzione poi sempre alla polarità degli alimentatori e delle telecamere: se fosse invertita e la telecamera non fosse protetta, rischiereste di bruciarvela.
In caso servano alimentatori per TVCC sarebbe bene quindi rivolgersi a qualcuno che li venda appositamente per il loro uso, in modo che vi possa anche consigliare e che non sbagliate. La Mondialtec Srl di Roma (www.mondialtec.it) è un importatore diretto di sistemi di sicurezza e vende all’ingrosso e al dettaglio materiale per la videosorveglianza.

Monitor per videosorveglianza vs Monitor per computer o TV

Domanda: Che differenza c’è tra un monitor per videosorveglianza ed un monitor per computer o una televisione?

Risposta: I monitor per videosorveglianza si distinguono dai monitor per computer e dai comuni televisori (anche quelli LCD di ultima generazione) per vari motivi molto semplici:
1) I monitor per videosorveglianza hanno spesso a bordo uno o più attacchi BNC, cioè quelli usati anche dalle telecamere e dal cavo coassiale, solitamente utilizzato in questo tipo di connessioni. Non è questo però il vantaggio, in quanto esistono semplici adattatori che senza alcun problema fanno sì che il cavo possa essere anche collegato ad altri attacchi (es. ad attacchi RCA) e quindi anche ad una TV o ad una presa scart.
2) I monitor per videosorveglianza sono costruiti per durare accesi 24 ore su 24 senza sosta, cosa che non può invece essere pensabile con un altro monitor.
3) I monitor per videosorveglianza hanno al loro interno uno speciale convertitore in grado di tradurre il segnale proveniente dalla telecamera o dal videoregistratore, e visionarlo nel modo migliore a video. Questo apparecchio è quello che rende migliore il prodotto in fatto di qualità della visione.

Sono, quindi, questi i motivi per scegliere un monitor per videosorveglianza e che ne giustificano il costo molto maggiore. Se, però, non vi sono troppe necessità di qualità e di uso, si può anche optare per un sistema più economico, come uno schermo da computer (purchè il videoregistratore possieda un’uscita VGA) o una semplice tv anche in vecchio stile usando i dovuti adattatori.
La Mondialtec Srl di Roma (www.mondialtec.it) leader nel campo dei sistemi anti intrusione propone monitor di varie dimensione (7 pollici, 10 pollici, 15 pollici, 17 pollici, 20 pollici) per le varie esigenze. Propone poi un innovativo sistema combinato Monitor 17″ LCD + Videoregistratore professionale tutto in un prodotto, con le più moderne tecnologie e sistemi di compressione (H.264, Hard Disk, Internet, mouse, backup via pennetta USB, ecc..) e un semplice menù grafico per poterlo usare con facilità come fosse un computer. Il tutto con la garanzia del marchio MTH, sinonimo di qualità.